FONDAZIONE SAN GIUSEPPE ONLUS • BORDIGHERA

Tribù di liguri dedite all’agricoltura e alla pastorizia abitano villaggi fortificati costruiti sulla sommità delle alture, in posizione strategica. Due di questi villaggi, che gli archeologi hanno denominato “castellari” si trovavano nel territorio di Bordighera. Uno nella zona di Montenero (cima Merello, 328 m. di altezza), l’altro a Sapergo (località “il Colletto”, 203 metri), di fronte a Sasso, presso l’attuale casello dell’autostrada. Quello di Sapergo, scoperto nel 1970, ha restituito tracce di muri a secco preromani, accanto ad altre murature di epoca successiva, romana e medioevale.

La Via Julia Augusta, aperta nel 13 a. C. per collegare la Liguria alla Gallia attraversa il territorio di Bordighera alle pendici della collina, lungo il percorso dell’attuale Via Romana. Il ritrovamento, nel 1955, nella piana della città, di una tomba di epoca imperiale (ricomposta al Museo Bicknell) testimonia un probabile insediamento agricolo romano nella zona, allora dominata dalla città di Albintimilium (Ventimiglia).

Bordighera

Bordighera è oggi una cittadina gradevole, non solo per i turisti ma anche per i residenti, che vivono in un “ambiente salvaguardato” come dimostrano i meravigliosi luoghi naturali di cui Bordighera dispone. La Città Vecchia, gli edifici lasciati dagli inglesi, le testimonianze della cultura locale formano un complesso di interesse storico notevole che ben si riflette nelle caratteristiche tutte particolari dei luoghi dedicati alla cultura come, la Biblioteca Civica Internazionale, l’Istituto Internazionale di Studi Liguri e la Chiesa Anglicana ora Centro Culturale Polivalente. Bordighera cioè non è solo una stazione balneare è un percorso storico e naturale ancora da completare o, se si preferisce, un percorso dove il visitatore è libero di disegnare i propri itinerari lasciandosi guidare dai grandi personaggi (come Monet, Bicknell, Garnier) che l’hanno vissuta e frequentata. Non possiamo poi dimenticare che, dopo anni di mancati interventi, la Rotonda di Sant’Ampelio, simbolo della città sta per rinascere nella sua nuova veste. (Luca Moreno)